L'avere di vecchiaia

Prestazioni di vecchiaia ed esigibilità

Generalmente le prestazioni di vecchiaia della Fondazione Integral diventano esigibili al raggiungimento dell'età pensionabile ordinaria. La persona pensionata può percepire tali fondi sotto forma di capitale o sotto forma di capitale e rendita. Infatti, per motivi fiscali non è possibile lasciarli presso la Fondazione Integral come investimento finanziario fruttifero.

L'avere di vecchiaia a grandi linee

Sull'avere di vecchiaia vengono accreditati la prestazione di libero passaggio trasferita, gli accrediti di vecchiaia come da piano di previdenza, i prelievi anticipati rimborsati, il versamento personale per «riscatto volontario», i riscatti di prestazioni assicurate dopo il divorzio o lo scioglimento di un'unione domestica registrata ecc. Vengono accreditati anche gli eventuali interessi.

Il capitale di vecchiaia diminuisce quando si effettuano prelievi anticipati per la promozione della proprietà d'abitazioni. Anche i pagamenti a seguito di divorzio o di scioglimento di un'unione domestica registrata comportano una riduzione delle prestazioni.

Eventuali vuoti di contribuzione

Il vuoto di contribuzione nel conto di previdenza deriva generalmente da aumenti salariali. Il vuoto di contribuzione si verifica anche dopo il divorzio o lo scioglimento di un'unione domestica registrata poiché l'avere di vecchiaia viene ripartito tra gli ex partner in seguito alla sentenza del tribunale.

Altri motivi che possono comportare vuoti di contribuzione: immigrazione in Svizzera o inizio di un'attività remunerata dopo i 25 anni di età, aumento degli accrediti di vecchiaia, interruzioni dell'attività lavorativa, per es. dovute a disoccupazione, soggiorni all'estero, studi, congedi sabbatici, maternità, ecc.

Riscatto volontario

Il «riscatto volontario» della cassa pensione può essere una soluzione personale se si desidera aumentare l'avere di vecchiaia e risparmiare sulle tasse. Questa prestazione privata può essere dichiarata come contributo al 2° pilastro e quindi rappresentare un risparmio fiscale. Importante: il «riscatto volontario» della cassa pensione è interamente finanziato con il proprio patrimonio.

Si dovrebbe essere consapevoli che il «riscatto volontario» vincola il capitale a lungo termine. Generalmente non è consentito per legge prelevare dalla cassa pensione fondi già versati, anche in caso di urgente e improvvisa necessità di impiegarli in altro modo. Questa è una delle differenze esistenti tra il conto di previdenza della cassa pensione e un conto bancario, da cui è possibile invece prelevare fondi ogni volta che si renda necessario.

I riscatti per compensare la ripartizione dell'avere di vecchiaia dopo un divorzio sono generalmente esclusi dalle limitazioni di riscatto.

Riscatto e disposizioni LPP

Per il «riscatto volontario» la LPP indica tre requisiti, ovvero:

la persona assicurata è in attività e iscritta alla cassa pensione dal datore di lavoro;

il regolamento o il piano di previdenza della cassa pensione prevede il riscatto (presso la Fondazione Integral: sì);

è presente un vuoto di contribuzione a causa del quale le prestazioni previdenziali diminuiscono.


Tra le limitazioni poste al «riscatto volontario» la LPP indica questi criteri:

gli averi su eventuali conti o polizze di libero passaggio devono essere detratti dall'importo massimo di riscatto;

il prelievo anticipato per la proprietà d'abitazioni deve essere rimborsato integralmente prima di eventuali riscatti;

le persone immigrate dall'estero, se non hanno ancora aderito a una cassa pensione in Svizzera, nei primi cinque anni possono riscattare al massimo il 20% del salario assicurato.

IntegralStiftung
Comercialstrasse 34
Postfach 286
CH-7007 Chur

Telefono 081 650 08 80
Fax 081 650 08 89
E-Mail info@STOP-SPAM.integral.swiss

Atilizziamo dei cookie sul nostro sito Web. Se rimane sul sito Web, accetta l'utilizzo dei cookie. Ulteriori dettagli sono disponibili nella nostra informativa sulla protezione dei dati personali.

Accettare